Leuna, Naftalina è il loro nuovo progetto

il

BIO 

Il duo LEUNA nasce nel 2017 al Cet, la scuola per cantautori di Mogol, tra  la cantante in salentina Benedetta Pascali, classe ’95 il pianista ed autore  lucano, trapiantato a Bologna, Donato Carmine Gioiosa, classe ‘94. I due iniziano a collaborare e a scrivere i loro primi brani inediti che  strizzano l’occhio al grande cantautorato italiano, nella parte testuale, e al  più contemporaneo pop internazionale nella parte musicale.  A testi spesso introspettivi e sognanti, fa da contraltare la potenza vocale ed  interpretativa di Benedetta Pascali, supportata da arrangiamenti elettro-pop  eleganti, ma al tempo stesso dinamici.  

Il risultato è una musica ricca di contaminazioni nella quale emergono temi  cari ai due: le loro canzoni narrano della vita di provincia, del mondo  onirico, di una quotidianità sempre a metà tra aspettativa e fallimento, della  distanza, ma anche di una speranza di fondo, spesso immotivata, tipica del  periodo universitario.  

Quando non suonano, Donato Gioiosa è un professore di lettere, Benedetta  Pascali una studentessa del Dams: entrambi condividono la passione per il  vino rosso, lucano o pugliese che sia. 

In questi anni i LEUNA hanno calcato diversi palchi dell’Italia meridionale  esibendosi in acustico e in full band con delle cover. 

Il 4.02.2021 è uscito il loro primo inedito, Azkaban, che in sette mesi ha  collezionato più di 100.000 streams su Spotify. 

Il 30.09.2021 hanno rilasciato il loro secondo singolo, Naftalina,  disponibile su tutti i digtal stores.

NAFTALINA 

Naftalina è una canzone nata in un mercoledì sera di settembre in una città  di provincia. Alle volte scrivi una canzone perché è l’unica cosa che puoi  fare, perché volevi solo andare a bere una birra in compagnia, ma per  strada – in un mercoledì di fine settembre – non c’è anima, viva o morta  che sia.  

Finisci per vivere in simbiosi con il luogo della tua vita, più simile ad un  villaggio che ad una città, a dire il vero.  

I paesini del sud Italia sono così, fermi ed immobili nel tempo, una  splendida monotonia: il mito dell’eterno ritorno. 

Naftalina è la canzone di chi lancia i suoi sogni sulla luna per proteggerli,  anche e soprattutto da sè stesso. 

È la canzone di un ragazzo di provincia che non giocava a pallone come  gli altri, ma sognava di svegliarsi ne Le notti bianche di Dostoevskij. È la canzone di chi, alcune notti, si guarda allo specchio e non sa chi ha  davanti. 

È la canzone di chi ha i sentimenti talmente precari che – prima o poi – finisce sempre col mandare tutto a puttane. 

Testo e musica: LEUNA (Donato Carmine Gioiosa – Benedetta Pascali) Disegno in copertina: Davide Di Dio 

PROD: De Relitti presso Officine Ardesia (FI) 

Mix and Master: Chris Lapolla presso Elettric Town Recording Studio (PZ)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...