Ásgeir: ‘The Sky Is Painted Gray Today’, nuovi inediti per l’artista islandese tra i più popolari in patria, in arrivo il 3 settembre (OLI)

il

Ad un anno e mezzo da ‘Bury The Moon‘, l’acclamato album pubblicato a febbraio 2020, Ásgeirannuncia ‘The Sky Is Painted Gray Today’, il nuovo ep in arrivo il 3 settembre (One Little Independent Records), quattro inediti registrati nel 2019 a Hljodriti, Islanda, e completati negli ultimi mesi, un gradito ritorno per l’artista islandese tra i più popolari in patria che, ancora una volta, si affida alla collaborazione del padre, poeta, e di John Grant e Pétur Ben (per le traduzioni in inglese).

L’ep mostra una collezione di brani altamente emotivi, arricchiti da accenni folk e chitarre intricate, che lasciano maggiormente spazio alla voce cristallina di Ásgeir, umile ma altamente emozionante. 

The Sky Is Painted Gray Today‘ contiene anche il brano ‘Sunday Drive’, che racconta uno spaccato di vita di Ásgeir “Sunday Drive was written about a car accident I had when I was 7 years old. Every Sunday me and my family used to drive on top of a mountain close to the town where we lived and then get out of the car, walk around and enjoy the view. On the day of the accident my older sister was allowed to take pictures on a new camera that my mom and dad had recently bought but they didn’t trust me with it so I got upset and stayed in the car while they went out to take pictures. While I was upset waiting in the car I started playing with the gear shift and handbrake and suddenly the car started moving. It flew down the hill and flipped around a few times and was completely destroyed when it stopped. I crawled out pretty much uninjured, only needing four stitches on my head.”

Ásgeir in concerto in Italia

6 agosto, Ypsigrock Festival, Castelbuono (PA)

8 agosto, Sexto’Nplugged Festival, Sesto al Reghena (PN)

9 agosto, Spilla Festival, Ancona

info tour: Comcerto

Classe 1992, Ásgeir è ad oggi l’artista che ha più venduto nella storia della musica islandese – superando i giganti in patria come Bjork e Sigur Ros – con ‘In the Silence’, l’acclamato disco di debutto pubblicato nel 2012 da One Little Indian, Album of the Year agli Icelandic Music Awards dello stesso anno. Il disco, pubblicato in lingua islandese, coglie l’attenzione di John Grant, il quale aiuta Ásgeir nella traduzione dei testi in inglese per una successiva pubblicazione internazionale di ‘In The Silence’. Tra folk-melodico e pop sopraffino, Ásgeir conquista il mondo, con concerti esauriti praticamente in ogni angolo del globo, dalla Sydney Opera House allo Shepard’s Bush Empire fino alla London Union Chapel. Il successivo album, ‘Afterglow’, esce nel 2017, sempre su etichetta One Little Indian, e conquista nuovamente i favori di media e pubblico. Un lavoro monumentale, intimo e sopraffino che non delude le aspettative dei media e dei suoi numerosi fan. A febbraio 2020 arriva ‘Bury The Moon’, un ritorno alle origini folk altamente accolto dalla critica di tutto il mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...