Anna Bassy: “Stiamo ultimando un EP. “Lulla-bye” il brano che considero la genesi di tutto”

il

Oggi abbiamo avuto il piacere di intervistare Anna Bassy, una cantautrice italo-nigeriana.  Fin da giovanissima alla musica e al canto: reggae, soul, R&B, gospel, sono i generi di cui si innamora che la stimolano ad esplorare il suono della sua voce. “Wind, Rain” è il suo nuovo singolo.

Puoi parlarci del tuo primo brano scritto?

Per il mio primo brano scritto, bisogna andare molto indietro nel tempo. Ci sono stati parecchi tentativi di approccio alla scrittura. Ma per quanto riguarda il progetto attuale, c’è effettivamente un brano che considero la genesi di tutto. Si chiama Lulla-bye e per ora ho pubblicato solo una versione live. Come dice il titolo, l’ho scritto pensando ad una ninna nanna e con questo brano ho voluto in un certo senso riconciliarmi con me stessa e con il passato, prendere atto di come ogni passo che ho fatto, ogni scelta che ho preso, giusta o sbagliata, faccia parte di me e mi abbia resa la persona che sono oggi. 

Tre aggettivi per definirti… 

Tre sono pochi, ma direi indecisa, riservata, creativa. 

“Wind, Rain” è il tuo nuovo singolo. Qual è la sua genesi? Quale messaggio vuoi lanciare?

Non c’è un messaggio vero e proprio, in realtà questo brano è servito a me innanzitutto, per cercare di superare un periodo un po’ destabilizzante. Prova a raccontare di quando pensieri e preoccupazioni, si mettono tra te e la vita e non ti lasciano vivere appunto, ti bloccano, sono l’unica cosa che riesci a vedere. Ma è anche un appello alla Natura, che tante volte ci può essere d’aiuto in questi momenti, perché ti permette di stare in silenzio, riconnetterti, ritrovare l’essenziale. E quindi semplicemente spero che questo brano possa servire a qualcun altro come è servito a me per “guarire” in un certo senso.

Progetti in cantiere?

Con la band stiamo ultimando un EP che conterrà alcuni brani che finora abbiamo presentato solo live e un inedito. Ma oltre a questo altri brani aspettano di essere prodotti e altri di essere scritti. E poi speriamo di suonare live il più possibile.  

Cos’è per te… (citando il nostro sito)… “Uno spettacolo nel cassetto”?

Più che a un luogo penso ad una situazione. Quando tra te e il pubblico si instaura una comunicazione, in cui senti che la musica che fai e quello che vuoi esprimere viene accolto e lascia una traccia in chi ti ascolta, ecco quello è il mio spettacolo nel cassetto, è quello che vorrei riuscire a fare ogni volta che salgo su un palco.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...