Oggi esce in digital download e in radio il singolo d’esordio dei Naft Punk “Zona Rossa”

il

Oggi, Venerdì 23 Aprile esce in radio e in digital download, “Zona Rossa” (Carioca Records/Artist First) il singolo d’esordio del duo partenopeo NAFT PUNK, nuova linfa della scena “urban-funk” italiana.

Il brano, originale e ironico al tempo stesso, parla del particolare momento che stiamo vivendo, delle continue restrizioni causate dall’aumento dei contagi da Covid-19 e del risultato dell’esasperazione di chi resta chiuso in casa e cerca di continuare a vivere anche attraverso una finestra.

La ZONA ROSSA, cosi chiamata, vieta anche il diritto di andare fuori a respirare — e guardando in giro non si vedono soluzioni… e se così fosse punto di domanda – e se il vaccino non funzionasse punto di domanda – riflessioni che portano ad un momentaneo sconforto con esclamazione: “Ma chi c**** mu fa ffa????”

LOL

Il brano è stato prodotto, arrangiato e mixato da Giulio Voiglio a Napoli.

La distribuzione digitale è affidata a Carioca Records / Artist First.

Note biografiche: 

I NAFT PUNK nascono dall’incontro tra Ciro ( 20 anni ) e Genny ( 17 anni ) (nomi di fantasia) accomunati dalla stessa voglia di fare musica. Di loro si sa ben poco; si sa che sono nati e cresciuti a Napoli e che sin da bambini hanno sempre avuto una particolare dedizione verso la musica. Il loro nome è l’acronimo di NA come Napoli FT come abbreviazione di featuring ovvero ft ( traduzione = con ) e PUNK che sarebbe riferito al movimento giovanile di protesta nato nel 1977 che genera un movimento musicale contraddistinto dall’uso di una strumentazione essenziale e dal carattere dissacrante dei testi caratterizzato dall’ostentata esibizione di forme di abbigliamento vistosamente eccentriche e da posizioni polemiche nei confronti della società consumistica ed è per questo che scelgono di restare nell’anonimato rifiutando tutto quello che è solo immagine e non sostanza. Il loro primo lavoro ZONA ROSSA non è assolutamente un’esortazione ad andare contro le regole ma è solo uno sfogo dissacrante sul momento che stiamo vivendo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...