Il Profilo: “”La mia felpa” è una genuina dichiarazione d’amore”

il

Oggi vi presentiamo Il Profilo, all’anagrafe Lorenzo Toma. Il 26 marzo è uscito “La mia felpa” il suo ultimo singolo.

Com’è sbocciata la tua passione per la musica? Come mai questo nome d’arte?

Ho iniziato a suonare la chitarra appena ragazzino e col passare degli anni ho cominciato a scrivere e comporre canzoni, mi piaceva l’idea di esprimere musicalmente ciò che sentivo dentro, e che molto spesso non riuscivo a dire a voce, quindi preferivo scriverlo e cantarlo.

Il nome d’arte, “Il Profilo”, nasce per un discorso prettamente social. Il mio profilo Instagram si chiama “lorenzo_ilprofilo” e da lì negli anni un po’ tutti mi hanno chiamato amichevolmente “Profilo”. L’idea di farne un nome d’arte mi è venuta qualche mese fa, quando ho iniziato questo nuovo percorso musicale da solista.

Da cos’è nata l’esigenza di gettarti nella carriera da solista?

La voglia di farmi sentire. Ho avuto un gruppo fino a due anni fa ma per vari motivi le nostre strade si sono divise. In me ha prevalso la voglia di avanzare, di urlare al mondo le mie canzoni, di trasmettere alla gente che mi ascolta ogni parte di me.  Spero di esserci riuscito in qualche modo, ma sono solo al primissimo inizio.

“Ventiduezerouno”, quante soddisfazioni ti ha dato?

Tante. E’ il pezzo che mi ha portato alla collaborazione con la mia prima etichetta discografica, Maionese Project. E’ il mio pezzo d’esordio e non finirò mai di ringraziarlo in qualche modo, anche se la strada da fare è ancora molto molto lunga. Spero che la situazione si sblocchi e si possa tornare live al più presto per poterlo cantare insieme ai miei sostenitori, che sono la parte migliore di me. 

“La mia felpa” è il tuo nuovo singolo. Quale messaggio vuoi lanciare con questo brano?

E’ una dichiarazione d’amore, molto genuina, molto sincera. La felpa rappresenta il regalo che un uomo fa alla donna della quale si è innamorato, come un vero e proprio simbolo di legame tra i due. Il classico piccolo gesto che ha dietro di sé un enorme significato.

Tre aggettivi per definirti…

Come pregi ci metterei ambizioso e perseverante. Nei difetti ci metto quello di essere un po’ permaloso.

Una collaborazione che ti piacerebbe…

Mi piacerebbe esprimere innanzitutto ciò che sono io, arrivare alla gente attraverso la mia musica e le mie parole. Per le collaborazioni ci sarà il tempo.

Cos’è per te… (citando il nostro sito) …”uno spettacolo nel cassetto”?

Quando si parla di cassetto, non si può che pensare ai sogni. Di conseguenza voglio paragonare lo spettacolo nel cassetto come il sogno più bello e grande che ho: vivere di musica. Sarebbe il mio spettacolo personale riservato alla gente che come me sa sognare, sa emozionarsi e lottare per i propri obiettivi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...