Guatemala: “Sogniamo il palco del Primo Maggio. “Scudo Rosso” è un grido sia di aiuto che di sostegno”

il

Oggi abbiamo il piacere di presentarvi i Guatemala, una band creativamente autonoma e dalle personalità artisticamente contrastanti. “Scudo Rosso” è il suo ultimo singolo.

Com’è nata la vostra band? Perché avete scelto “Guatemala” come nome d’arte?

Nasciamo nell’ambiente che descriviamo nei nostri brani. Come biglie in una ciotola siamo finiti inevitabilmente insieme, nonostante le nostre differenze stilistiche, uniti dalla stessa vita da studentesca. Guatemala era originariamente il titolo di un brano scritto per le scale del politecnico, mai portato a termine per il costante senso di insoddisfazione, di incompletezza e di inettitudine che sentivamo lavorandoci. Questi sono i sentimenti che la nostra generazione si porta in spalla e che caratterizzano anche noi, pertanto questo brano incompiuto ha dato il nome a ciò che siamo. 

Le vostre esperienze in carriera…

Siamo quattro studenti e separatamente abbiamo fatto diverse esperienze di gavetta, dalle cover agli inediti dentro e fuori dalla puglia, sia nei locali che per strada. Come Guatemala, invece, abbiamo subito avuto una rapida crescita insieme, passando dai pub agli eventi culturali, fino ai festival in trasferta, il tutto dovendo continuare a gestire la carriera universitaria in parallelo a quella musicale, e continuamente reinventandoci e imparando a gestire gli aspetti tecnici, produzione, social, promozione, stampa ecc… La prospettiva resta di crescita costante.

“Scudo Rosso” è il vostro ultimo singolo. Quale messaggio volete lanciare?

Questo brano è un grido, sia di aiuto che di sostegno reciproco, un mantra che chiama a raccolta chiunque si ritrovi nella stessa condizione di smarrimento di sé tra le incertezze del futuro e le contraddizioni del presente. L’illusione di poter controllare la propria vita, che una volta palese ci trascina in un senso di avvilente impotenza, la esorcizziamo gridando “mantieni attiva la mente”.

Tre aggettivi per descrivere la vostra musica…

Aggregante, Energica, Semplice. Il nostro sound emerge inevitabilmente da un ambiente giovanile parlando però un linguaggio che non è figlio delle tendenze ma di una ricerca di suono attenta, evitando così di scadere nella banalità e cercando invece contaminazioni alternative. Senza troppe pretese, ci rivolgiamo a un pubblico con sonorità di facile ascolto, mettendo d’accordo seguaci di diverse correnti, accomunati anche dalle tematiche che trattiamo nei testi.

Progetti futuri?

Sicuramente puntare su una crescita artistica non è tutto: bisogna pensare anche alla crescita in senso professionale, quindi ampliando man mano l’insieme di persone che consente a un brano di arrivare all’ascoltatore, magari anche al fianco di un’etichetta. A tal proposito, la pubblicazione di singoli, EP o album dipende da ciò che il futuro ci riserva. Le idee però non mancano e abbiamo in serbo materiale grezzo e materiale già pronto a seconda delle occasioni che icontreremo.

Cos’è per voi… (citando il nostro sito)… “uno spettacolo nel cassetto”?

Il palco del Primo Maggio è senz’altro una meta a cui puntiamo. Più che alla notorietà o a vetrine televisive, ambiamo a raggiungere il più possibile il nostro scopo di aggregazione fra i nostri ascoltatori, e ciò che si concretizza, più che in qualunque altro contesto, nell’energia pura che si può trasmettere solo attraverso un palco, e sentire questa unione anche nel pubblico. Il Primo Maggio è senz’altro l’evento più coerente con i nostri scopi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...