wLOG: “In cantiere? Lavori con tematiche importanti e sound evoluto”

il

Oggi abbiamo avuto il piacere di fare due chiacchiere con wLOG, un atipico cantautore milanese. “20 punti” è l’ultimo singolo che ha pubblicato.

Ciao, perchè wLOG come nome d’arte? Com’è nata la tua passione per la musica?

wLOG è prima di tutto un acronimo secretato che mi porto dietro da molti anni. Poi in matematica è la prova applicabile a tutte le casistiche ma che si fonda su un caso speciale. Diciamo che mi sento un po’ come quel caso speciale, in una vita che comunque applica le sue leggi inesorabilmente su tutto e tutti. Sinceramente non so se definire la musica una passione. La passione ce l’ho per il buon vino, lo sport, la cinematografia, per gli animali, la natura, e tanto altro, ma non per la musica. Scrivere canzoni è un gesto compulsivo e necessario che mi porto dietro da piccolino. Mi faceva stare bene, mi risolveva e mi difendeva. Un bisogno fisiologico quotidianamente presente. A volte vorrei spegnere la testa e non avere queste crisi associate alla scrittura. Anche se ormai ci ho fatto un po’ l’abitudine e so gestirmi bene.

Le tue principali esperienze in carriera…

Come solista non penso di poter vantare una carriera, certamente i primi provini con artisti importanti che mi hanno dato preziosi consigli, i live e lo studio degli arrangiamenti in produzione.

“20 Punti” è il tuo nuovo brano. Quale messaggio vuoi lanciare?

Che le distrazioni e le disattenzioni non sono un limite, ma una potenzialità. Viviamo in un mondo sempre più creativo. C’è bisogno di sogni e meno ancoraggi a valori gretti e vetusti.

Con chi ti piacerebbe collaborare?

Con Brunori SAS.

Progetti in cantiere?

Esco con un singolo che farà parte di una serie di lavori per me importanti. Ci sono tematiche interessanti e il sound è una chiara evoluzione di una serie di sperimentazioni fatte in questi mesi. Non vedo l’ora davvero di farvi ascoltare le cose nuove.

Cos’è per te… (citando il nostro sito)… “uno spettacolo nel cassetto”?

In questo momento per me uno spettacolo nel cassetto è poter suonare davanti a persone che si abbracciano, ballano e si baciano con la lingua.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...