Ormai: fuori oggi “I ragazzi annegati” il repack dell’ultimo album dell’artista dell’etichetta di Michele Canova!

Fuori oggi, venerdì 26 febbraio, il repack di “I RAGAZZI ANNEGATI(Canova Rec/Polydor/Universal Music Italia), l’ultimo album di ORMAI, disponibile in streaming e digitale al link https://canovarec.lnk.to/iragazziannegati!

’I Ragazzi annegati’ è un album da pioggia fuori – commenta l’artista – Vuole parlare di tutti quei brevi momenti di bellezza che attraversano il disagio, il delirio adolescenziale e la perdita. È una barca di fogli di giornale in una vasca: un viaggio breve, ma ci si riesce a perdere ugualmente”. Il processo di ricovero dalla depressione, i danni della mascolinità tossica, un universo in evoluzione che si scopre pieno di ombre costituiscono il punto di partenza di ORMAI, anche se, come lui stesso afferma: “Sono tutte cose che rimangono sul fondo, solo se qualcuno le cerca. Sulla superficie c’è solo la ricerca di qualcosa di bello, di un luogo che non esiste, ma in cui vorrei portare chi ascolta”

In piena continuità con la prima parte del progetto – l’album “I ragazzi del molo” (disponibile al link http://spoti.fi/3b6YgQe), di cui “I ragazzi annegati” è il seguito – ORMAI ha realizzato le grafiche del nuovo album proprio ispirandosi al brano “Polvere e sole” contenuto in quello: Una ragazza nella vasca, l’acqua è rossa come chi si è fatto male. La ragazza si perde nel fumo ed è un piccolo universo, un luogo chiuso che può contenere tutto. Come un paio d’occhi – o perché no, un album.”

L’album è stato anticipato da “SULLE PUNTE” brano – prodotto da Ormai e Pietro Fichtner e già disponibile al link https://lnk.to/ORMAI_SP – che gioca con l’abbinamento tra chitarre ambient e dream pop – accompagnate da un canto rotto, etereo – e le sonorità elettroniche, ascoltabili alla fine del brano.

“Sulle punte’ è un brano su più strati – commenta ORMAI – da una parte è uno spaccato di una relazione tra due adolescenti e dall’altro una storia di tossicodipendenza. Rappresenta la costante sensazione di perdita e di mancanza di controllo: ‘Stavo innaffiando i fiori ma fuori pioveva già”

Il processo di ricovero dalla depressione, i danni della mascolinità tossica, un universo in evoluzione che si scopre pieno di ombre costituiscono il punto di partenza di ORMAI, anche se, come lui stesso afferma: “Sono tutte cose che rimangono sul fondo, solo se qualcuno le cerca. Sulla superficie c’è solo la ricerca di qualcosa di bello, di un luogo che non esiste, ma in cui vorrei portare chi ascolta”

Partito con l’idea di lasciare un segno in questo mondo, ma tormentato dall’idea che per lui sia già sempre troppo tardi, ORMAI, nome d’arte di Alessandro Pacco, inizia il suo percorso nella musica sperimentando con il collettivo Inquietude. Oggi ha ventitré anni e nonostante si senta ancora perso di brutto non è più solo nel suo progetto: Pietro Fichtner (producer) lo accompagna nel suo percorso e insieme hanno appena iniziato a collaborare con l’astronave Canova Rec. Meglio Ora che Mai insomma.

Canova Rec nasce dall’idea di Michele Canova di mettere a disposizione di artisti emergenti la sua esperienza ventennale di produttore artistico dei più grandi artisti italiani. Canova Rec, con il suo team di lavoro, segue ogni fase dei progetti, dallo scouting al master dei brani.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...