Fuori “Pavimento”, il secondo singolo di Moanne

Romolo Dischi presenta Pavimento, secondo singolo di Moanne, progetto cantautorale dell’artista barese Melinda Amato caratterizzato da un’elettronica sensuale e notturna. Il brano è distribuito da Pirames International.

“Pavimento parla della prima fase dopo una rottura: la negazione, quando non abbiamo ancora metabolizzato il fatto che la storia sia finita. La prima cosa che mi è venuta in mente è stata raccontare cosa è accaduto a me e cosa spesso (non sempre) accade dal punto di vista femminile in generale. Cosa siamo disposte a fare per vivere ancora un altro po’ di quell’amore che ci è stato negato? Fingiamo che tutto vada bene, che abbiamo la situazione sotto controllo, cerchiamo di far credere a lui che una notte in più non cambierà nulla, pur di riaverlo ancora una volta. Diventiamo affamate di quel calore che ci è stato improvvisamente strappato via dalle mani. In cuor nostro però sappiamo che le uniche persone che stiamo prendendo in giro siamo noi stesse. Difatti, subito dopo, tutto il calore che abbiamo agognato per colmare quella mancanza, svanisce, lasciandoci nuovamente sole con un vuoto ancora più grande di prima. Ed il freddo ci cala inesorabilmente di nuovo addosso come un macigno”. 

Chi è Moanne?
Moanne è un esopianeta simile alla Luna. Mostra sempre la stessa faccia, la stessa triste espressione, cambia colore, forma e posizione. È attratta dal mondo ma ne resta distante. È una Lolita dallo sguardo innocente.
È il sentimento da cui ti senti sedotto ma che non riesci a comprendere. 
Moanne è il suono di una notte d’inverno, lo schiantarsi di un’onda che rompe il silenzio. 
È lo stato d’animo da cui tenti di scappare, ma non puoi fare a meno di nutrire. 
É un linguaggio universale. 
Forse ti parrà che sto farneticando ma una cosa è certa: quando penserai di aver capito chi è Moanne, starai sbagliando. 

CREDITS BRANO
Autore: Moanne (Melinda Amato)
Compositore: Stefano De Vivo 
Producer: Stefano De Vivo
Mix & mast: Gianluca Bizzoca
Copertina: Luca Pistillo

TESTO
Resta fermo
Non parlare
Non ti preoccupare
Se lo vorrai me ne andrò via
Poi ti risvegli domattina
Con un buco al cuore
A raccontarti una bugia
Togliti quella camicia che non mi piace
Vieni sul letto e spegni quella luce
Lasciati toccare prima che mi spengo (spengo)
Guarda quella macchia rossa
L’unica cosa che ricorderò (ride)
Una sola notte cosa vuoi che sia
E sia
Rit. x2
Ora non ci pensare
Ci confondiamo con il pavimento
Mani contro i muri
Sei così caldo che non sento freddo
Accendini una sigaretta
Che mi manca il fiato (sospira)
Cammino sul tuo addome con le dita
Se non mi fermi come finirà?
Domani sentirò il tuo odore sulla pelle
E forse allora me ne pentirò
Rit. x4
Ora non ci pensare
Ci confondiamo con il pavimento
Mani contro i muri
Sei così caldo che non sento freddo
Oh oh oh oh oh
Ora non ti voltare
Conto i tuoi passi su quel pavimento
E tengo gli occhi chiusi
Fa così freddo che non sento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...