Maria Elisabetta Giudici: “La mia carriera di scrittrice è iniziata per caso. Sogno di vedere al cinema il film de “La foresta invisibile””

Maria Elisabetta Giudici ci ha presentato il suo nuovo romanzo “La foresta invisibile” pubblicato da Castelvecchi. “Il re di carta” è il primo libro da lei pubblicato.

Il tuo primo ricordo legato alla scrittura…

Il mio primo ricordo è il giorno in cui andai a comprare in cartoleria un quaderno quadretti e una penna bic punta 1.6 per appuntarmi un sogno fatto la notte prima. Mentre la penna scorreva sul foglio sono entrata in un mondo dove tutto è possibile e dove tutto può accadere e parola dopo parola ho scritto un romanzo.

“La foresta invisibile” è il tuo nuovo libro, come hai scelto questo titolo? Eri indecisa su altri?

No. Ho subito pensato a questo titolo. Il protagonista assoluto del romanzo è una collana di corallo. I coralli vivono sotto il mare in forma di magnifiche foreste viventi. Quale miglior titolo?

Tutto nasce da una preziosa collana di corallo, che cosa ti ha ispirata?

Amo fin da bambina tutto ciò che sia di corallo. Amo la sua consistenza e le sfumature del colore che va dal bianco al rosso acceso. Un piccolo braccialetto di corallo ha accompagnato almeno dieci anni della mia vita, fino a che il mio polso era diventato troppo grande. Allora ne feci fare due orecchini che ancora porto.

Questo tuo romanzo ha vinto il Premio Acqui Terme 2019 e Premio Etna Book 2020 come “Miglior Inedito”. L’emozione che hai provato…

Un’emozione grandissima. La mia carriera di scrittrice è iniziata talmente per caso che non avrei mai immaginato che una casa editrice potesse essere interessata al mio primo libro. Figuriamoci due premi. Ammetto di esserne ancora stordita.

Stai già lavorando ad un nuovo romanzo?

Sì. Il mio terzo libro è in fase di editing. E’ una spy story di nuovo ambientata a metà dell’800 ma questa volta in Asia Centrale.

Cos’è per te… (citando il nostro sito) …”uno spettacolo nel cassetto”?

Se parliamo di spettacoli e di sogni, il vero grande spettacolo per me sarebbe andare al cinema a vedere il film “ La foresta invisibile”… ma è solo “uno spettacolo nel cassetto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...