Cavallini: “”3 maggio 2020″ mi ha dato la carica giusta per dare continuità a questo mio nuovo progetto”

Matteo Cavallini, classe 1985 è un cantautore. La musica è entrata ben presto a far parte della sua vita. Nel 2007 ha fondato i The Squirters, il suo nome nella band è Johnny Contanti, il segreto della loro unione è una grande amicizia e il puro divertimento.

Quest’anno ha deciso di intraprendere un progetto da solista, “3 maggio 2020” è il suo primo singolo.

Come ti sei avvicinato alla musica? Com’è sbocciata questa passione?

È iniziato tutto quando avevo otto anni e sono entrato a fare parte del coro de “I Minipolifonici della città di Milano”, non smetterò mai di ringraziare il maestro Nicola Conci per avermi iniziato alla musica. Da quel giorno è passato tanto tempo, ho studiato, mi sono diplomato in canto moderno alla Nam di Milano e ho fatto molta esperienza di live e studio con molte band di generi musicali differenti. Ho cominciato a suonare nei locali già dai primi anni del liceo e sempre in quel periodo ho iniziato a scrivere canzoni.

Nel 2007 hai fondato una band i The Squirters, quanto sei legato a loro? Che cosa vi caratterizza? 

Sono molto legato a loro, innanzitutto da una grande amicizia. Condividiamo una grande passione per il rock’n’roll, il country e in generale la musica degli anni ’50. Il mio nome nella band è Johnny Contanti, omaggio al mio idolo Johnny Cash. Stiamo lavorando al nostro primo disco di inediti, anticipato dal singolo Circonvalley. Nelle nostre canzoni le sonorità anni ’50 si contaminano anche con alcune più moderne e i testi sono caratterizzati da un’ironia di fondo che ci contraddistingue. Ci divertiamo parecchio insieme e questo si nota anche sul palco.

Quest’anno, contemporaneamente, hai deciso di intraprendere una carriera da solista, come mai questa scelta? Che cosa ti ha spinto a fare ciò?

Ho sempre scritto, molte cose sono rimaste nel cassetto però. Quando fai parte di una band che ha un certo stile è difficile inserire in repertorio canzoni che non sono proprio di quel genere. Quando scrivo però ho voglia di seguire totalmente l’ispirazione del momento e può venire fuori di tutto. Questo progetto è nato proprio da questa voglia di spaziare, di non pormi limiti di genere musicale. 

A quanti anni hai iniziato a scrivere tuoi brani?

Le prime canzoni le ho scritte al liceo, qualcuna era stata realizzata per essere suonata con le mie band di quel periodo, qualcun’altra è rimasta solo mia o è stata regalata. Erano per lo più canzoni che parlavano delle prime storie con le ragazze o che raccontavano serate tra amici. C’erano anche dei brani più “impegnati” ma sempre con un fondo di ironia e di punk.

“3 maggio 2020” è il tuo primo singolo da cantautore, che emozione hai provato alla sua uscita? Com’è nata questa canzone?

Sono davvero molto felice, è nata quasi per scherzo, proprio il 3 maggio, ultimo giorno di “fase 1″. La prima strofa è in realtà un messaggio che ho mandato su un gruppo Whatsapp e un amico mi ha “sfidato” a farne una canzone. Il tempo non mi mancava, ero murato in casa e avevo tante emozioni che volevo esprimere in quel momento terribile e surreale, fatto di paure, noia, speranza di tornare alla normalità e di tanta voglia di quella socialità e convivialità che ci era preclusa e che nella canzone ho sintetizzato nella parola “bar”.

Progetti per il futuro?

Sto lavorando già ad altre canzoni, “3 maggio 2020” è stato un punto di partenza, mi ha dato la carica che cercavo per scrivere cose nuove e inoltre mi ha fatto conoscere e collaborare con ottimi musicisti, Federico Provini e Andrea Simiele, che mi hanno aiutato a arrangiare il brano e con cui sono già al lavoro per dare subito continuità al “progetto CAVALLINI”.

Cos’è per te… citando il nostro sito… “uno spettacolo nel cassetto”?

Senza dubbio un disco e poter fare concerti cantando le mie canzoni. Ma prima bisogna scriverle e non ho intenzione di perdere tempo! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: